di
Y.-M. YU (1,3), W.-C CHANG (2), C.-T CHANG (2), C.-L HSIEH (2), C.E. TSAI (3)

Fonti:
C.E. Tsai, Dipartimento di Nutrizione e Scienza dell’Alimentazione, Università di Fu Jen, Taipei 24205, Taiwan.
Ricevuto: 12 Marzo 2001; Revisionato: 26 Novembre 2001
(1) Dipartimento di Nutrizione
(2) Scuola di Medicina, Università di Medicina Cinese, Taichung, Taiwan
(3) Dipartimento di Nutrizione e Scienza dell’Alimentazione, Università di Fu Jen, Taipei 24205, Taiwan


RIASSUNTO

Scenario:

E’ stato esaminato, su un campione di pazienti diabetici di tipo 2, l’effetto di una supplementazione nutrizionale con estratto di giovani foglie d’orzo (BL) e/o vitamine antiossidanti C ed E sulle varie frazioni di lipoproteina a bassa densità (LDL) predisposte all’ossidazione e sull’attività di distruzione dei radicali liberi.

Metodi:

Sono stati iscritti a questo studio 36 pazienti diabetici di tipo 2. I soggetti, divisi in gruppi, hanno ricevuto ogni giorno, per 4 settimane, uno dei seguenti supplementi nutrizionali: gruppo BL 15 g. di estratto di giovani foglie d’orzo, gruppo CE 200 mg. di vitamina C e 200 mg. di vitamina E, gruppo BL+CE una combinazione di estratto d’erba d’orzo e vitamina C e E.

Risultati:

I livelli nel sangue di Lucigenin-Chemiluminescenza e Luminol-Chemiluminescenza si sono ridotti significativamente in tutti i gruppi di pazienti. Dopo la cura, specialmente nel gruppo BL+CE i miglioramenti sono stati notevoli: la vitamina E contenuta nelle frazioni di LDL è aumentata notevolmente, la percentuale di maggiorazione dell’intervallo di ossidazione era molto più alta che nei gruppi BL o CE singoli, l’effetto antiossidante è stato più alto nella particella di Sd-LDL, con ulteriori aumenti in percentuale del tempo di latenza superiori di quattro volte se confrontiamo l’integrazione solo con erba d’orzo.

Conclusione:

I nostri risultati indicano che l’integrazione nutrizionale con erba d’orzo può aiutare a distruggere i radicali liberi, salvare il contenuto di vitamina E nell’LDL, e impedire l’ossidazione di LDL. Inoltre l’aggiunta di vitamina C e E all’erba d’orzo può impedire maggiormente l’ossidazione di Sd-LDL, attività che protegge i pazienti diabetici di tipo 2 da malattie vascolari.

 

Scarica la ricerca completa in lingua originale

 

Vai all'inizio della pagina